L’anfigiro turistico

E’ ovvio, viaggiare con i bimbi non e’ come viaggiare da soli. Per niente. In attesa di trattare l’argomento in maniera piu’ approfondita, vi racconto che, tra le mille cose che non avremmo mai fatto arrivando in una citta’ che non conoscevamo, probabilmente ci sarebbe stato il giro sul bus turistico. Ma a Montreal c’e’ l’Amphibus che, dopo aver fatto un giretto del centro, si butta nel San Lorenzo e ci fa un giretto, permettendo di ammirare la skyline della citta’ dall’acqua e di prendersi un po’  di freddo e di acqua se il tempo molto convenientemente cambia e il sole decide di lasciare il posto a nuvole e pioggia. E i bambini per una cosa del genere vanno pazzi.

Tra un pisolino e una coperta gentilmente offerta dalla ciurma, il giro e’ stato alla fine carino, Leonardo ancora lo racconta a tutti ed ha permesso anche a noi grandi di fare una carrellata su zone della citta’ che i bimbi avrebbero reso non visitabili.

Morale: non faro’ mai piu’ la snob sui giri turistici in bus, anzi, inaugurero’ una nuova stagione della mia vita in cui in ogni posto nuovo in cui andro’ mi informero’ se esiste un tale mezzo, anfibio o no, per fare un turismo di compromesso gradito a grandi e piccini.

Annunci

One Response to “L’anfigiro turistico”

  1. Da Montreal con amore « Il papallo e altre storie

    […] E, come già detto, prendere l’anfibus per fare il giro della […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...