Annuncio di servizio

Posted On ottobre 27, 2008

Filed under Uncategorized

Comments Dropped one response

Per i lettori bolognesi annuncio la nascita di un nuovo blog, nato da un gruppo di amiche-mamme (e un papà :-)) conosciute su internet, dedicato a Bologna e ai bambini, per condividere ed informarci di iniziative, opportunità , negozi, proposte interessanti per genitori e bimbi a Bologna. Ogni contributo sarà graditissimo!

bolognaperbimbi.splinder.com/

Annunci

E son soddisfazioni…

Sabato mattina, come quasi tutte le settimane, mi ritaglio un momento per preparare la formazione da spedire per la mia lega di Fantacalcio. Ebbene, Leo mi ha visto e mi è saltato in braccio tutto sorridente e mi fa, felice come una pasqua:

“Papà! Fantacalcio!”.

Per questo turno, anche se non ho ancora fatto i calcoli, ho già vinto! 🙂

Autore: papà

Aggiungi un posto a tavola

Posted On ottobre 23, 2008

Filed under Leonardo, Manuele, tappe di crescita

Comments Dropped leave a response

Durante l’ultima settimana abbiamo fatto sedere a tavola con noi anche il piccolo Manuele. Abbiamo insomma testato la nostra formazione per i prossimi tempi, quando anche Lele mangerà insieme con il resto della famiglia. Papà siede di fronte a Leonardo, con a destra la mamma e a sinistra la new entry Lele: ben seduto sulla seggiolina che sino a qualche tempo fa era di Leo, tutto contento a fare rumore picchiando i suoi giochini sul tavolo o lasciandoli cadere sul pavimento.

Adesso dobbiamo solo capire se gli sguardi che Leo lancia di tanto in tanto al fratellino sono di divertito stupore, di benevola condiscendenza o semplicemente di manifesta preoccupazione per la cupidigia famelica con cui Lele punta la sua pappa…

Autore: papà

Lallazione

Una delle ragioni per cui abbiamo creato questo blog è stato perchè con Manuele appena nato ci siamo accorti di quanto, in soli due anni, si dimentica delle primissime tappe di un nuovo esserino senziente. Sono così veloci nel susseguirsi, e improvvisamente trovi che il fagottino ciuccione caldo caldo dei primi giorni già ti parla ed esplora la vita per conto suo. Non mi ricordavo più Leo piccolo piccolo, non mi ricordavo la data esatta del primo dentino, o quando erano finite le colichette, o come gli piaceva stare a marsupio. Tanti ricordi sono tornati proprio rivivendo le varie tappe con Manuele. Sono cambiamenti repentini o quasi impercettibili, ma difficili da fissare come in una foto, e non so quanto facili da fissare su un blog, ma ci proveremo. Uno di questi è avvenuto proprio Sabato sera.
Manuele pare che sarà un discreto conversatore, da prestissimo vocalizzava molto più di Leonardo, evidentemente di indole più riflessiva, con una discreta varietà di espressioni riconoscibilissime, dalla noia, al desiderio, alla frustrazione, all’allegria, alla fame, alla gioia, all’autorilassamento. Ecco, improvvisamente da due giorni non vocalizza più, lalla. Ossia siamo passati da “aooooooooooooaaaaaaaaaeeeeeeeeeeooooooooooo” a “bababalalalalanananabababalalalalananana”. Grande passo in avanti, non c’è che dire.

Autrice: mamma

La sorellina

Posted On ottobre 17, 2008

Filed under Talita

Comments Dropped 7 responses

Ieri ho detto a Leonardo che, come adesso ha un fratellino che si chiama Manuele, ha anche una sorellina che si chiama Talita e che ora è in Cielo, che gli ha fatto compagnia mentre era nella pancia della mamma che era grande grande come quando c’era dentro Manuele e lì ci stavano addirittura in due.
Lui mi ha ascoltato molto attentamente, scrutandomi con gli occhi attenti, ha detto “Eh!” per dire che aveva capito ed è tornato a giocare.
Era tanto che non gli parlavamo della sorellina, da prima della nascita di Manuele di sicuro, per non confonderlo. Ma non volevamo fargli la rivelazione tutta d’un colpo quando sarà più grande, preferisco che lo sappia, che la consideri una cosa normale avere una sorellina in Cielo e non qui. Io so che lui lo sa di avere avuto una sorella gemella, un po’ lo sento io, un po’ ce l’ha confermato la neuropsichiatra dell’UTIN dell’ospedale. Togliergli la sua “gemellarità”, ha detto, sarebbe un errore, molto più del fatto di dover affrontare l’idea di una perdita da piccolo. In fondo, penso io, sentiva il battito di due cuori nella pancia, e poi, dato che noi lo sappiamo, penso che qualcosa debba intuire. Per quello abbiamo deciso di farglielo sapere, a lui e, a tempo debito, a Manuele; di farli convivere con questa realtà, cercando di trasmettere loro quello che sentiamo, cioè di avere avuto qualcosa in più, non in meno, con il passaggio di Talita fra di noi.
Sicuramente ora Leonardo, sapendo cosa significa avere un fratellino, ha capito un po’ di più, e non credo ci sia bisogno di insistere. E’ una realtà, come quella minuscola tomba al cimitero di Borgo Panigale che, quando vado a trovarla, mi rende la pace e mi fa ridimensionare tutti i miei problemi contingenti, quelli che poi non ricorderai più, perchè i ricordi da coltivare sono altri, e tenerissimi.

Autrice: mamma

Flashback

Posted On ottobre 14, 2008

Filed under Leonardo, Manuele, Uncategorized

Comments Dropped one response

Foto carine di quest’estate:

Giro nido

Posted On ottobre 13, 2008

Filed under ansia da distacco

Comments Dropped 2 responses

E mentre il papa’ ci faceva commuovere a distanza con questo post mentre era a Napoli ad un matrimonio, Leonardo, io, la nonna e ora Manuele ci ammalavamo tutti contenti di laringotracheite, o tracheolaringite, non mi ricordo. Anche questo lo comunico per gli annali, perche’ temo che sia solo la prima di giri di malattie portate a casa dal nido da Leonardo. Certo oggi e’ stato un po’ difficile farlo ritornare dalle dade dopo una settimana con me (che anche io tra maternita’, malattia e mia mamma che -beata lei- si imbottisce di aspirine e se ne va a Parigi lasciandomi con i bimbi, la settimana scorsa ho lavorato 3 ore). Ma il papa’ mi assicura che non ci sono stati pianti, solo un po’ di malinconia stamattina quando ci siamo salutati alla porta di casa.

Aggiornamento del Giovedi’: niente da fare, l’assenza prolungata ha fatto disastri, complice anche il fatto che siamo tornati al nido in pieno inserimento dell’ultimo gruppo di bimbi, e questo non ha aiutato. Domani sciopero, speriamo nella prossima settimana. Io intanto quando torna lo coccolo il piu’ possibile, pero’ che male sapere che piange!

Autrice: mamma

Prima notte da solo

Controlla la posta.

Leonardo starà giocando con le macchinine?

Ascolta un po’ di musica.

E Manuele starà dormendo o facendo uno dei suoi mitici sorrisoni?

Rispondi ad un sms.

Avrà ancora la tosse Leo?

Scrivi un appunto sull’agenda.

Ma adesso è ora di fare la nanna. Farà i soliti capriccetti?

Guarda un pezzetto di un telefilm.

Chissà se si sveglieranno questa notte.

Infilati nel letto. Sotto le coperte. Chiudi gli occhi e dormi.

Mi mancano.

Ruffianata

Posted On ottobre 3, 2008

Filed under paroline, tappe di crescita

Comments Dropped one response

Aggiornamento vocabolario: ieri per la prima volta Leonardo ha detto una frase composta da nome+copula+predicato.
E siccome e’ un ruffiano, guardandomi ha detto: “Mamma è bella”. Va, quasi quasi mi dimentico i capricci che ha fatto poi la sera per andare a dormire.

Autrice: mamma

Dal papallo al pappagallo

Posted On ottobre 2, 2008

Filed under Leonardo
Tag: ,

Comments Dropped leave a response

Se dobbiamo metterci una data, direi che e’ proprio in questo periodo che Leonardo sta cominciando a parlare seriamente. Fino ad ora ha aumentato gradualmente le paroline che diceva ogni giorno, con storpiature più o meno evidenti, oltre alla chiacchiera continua e incomprensibile di sottofondo con cui sembrava imitare la nostra conversazione. Si faceva capire piuttosto bene a versi, suoni (“ah-ah” che significava “sedersi”), gesti. E forse è per quello che ha tardato un pochino. Ma adesso siamo proprio nella fase pappagallo, ripete le parole che sente immediatamente, anche se non sempre perfettamente. A proposito “pappagallo” e’ una della parole che pronuncia alla perfezione.
Adesso non vedo l’ora che invece di cantare (non canticchiare, cantare a squarciagola) su melodie dubbie e immagino di sua invenzione cominci a riprodurre le canzoncine dell’asilo, così le impariamo anche noi e possiamo finalmente partecipare alla performance.

Autrice: mamma

Pagina successiva »